venerdì 29 agosto 2008

marmellata di pesche, frutti di bosco e cardamomo

Il bello dell'estate è che si ha a disposizione un sacco di frutta fresca in giardino, il brutto è che decide sempre di maturare tutta insieme tanto da riempire tutta la dispensa e, nonostante la distribuzione a parenti e amici, ci si ritrova comunque con troppa frutta da consumare in poco tempo. Cosa fare allora? mangire solo frutta tutti i giorni non è possibile, l'unica è utilizzarla per torte ma soprattutto per le profumatissime e coloratissime marmellate. Solitamente preparo marmellate un pò particolari che confeziono dentro a cestini con altri dolcetti e ragalo a Natale!

Marmellata di pesche, frutti di bosco e cardamomo

Difficoltà: media
Tempo: 2 ore

Ingredienti:1 Kg di pesche, 400 gr di zucchero, il succo di un limone, 2 manciate di frutti di bosco (anche surgelati vanno bene), 1/2 cucchiaino di cardamomo in polvere.

Preparazione: Scegliere pesche sode e sane, lavarle, asciugarle bene e tagliarle a pezzi grossi (a me piacciono le marmellate con i pezzi di frutta, ma se tagliate a pezzi piccoli la marmellata risulterà cremosa).
Mettere le pesche in una pentola capiente e aggiungere lo zucchero, il cardamomo e il succo di limone. Cuocete per 30 minuti circa, mescolando spesso, aggiungete i frutti di bosco e continuate la cottura per altri 20 minuti circa. Togliere la schiuma che si forma con la sciumarola. Verificate la cottura con la prova del piattino: versate qualche goccia di marmellata su un piattino e lasciate raffreddare, se tenendo il piattino in verticale la marmellata non cola, è pronta, altrimenti prolungate la cottura.
Versate la marmellata ancora bollente nei vasetti sterilizzati precedentemente in acqua bollente e asciugati bene, tappate e rigirate il vasetto sottosopra in maniera che si formi il sottovuoto e si sterilizzi il tutto. Dopo 3 minuti verificate che tutti i vasetti siano sottovuoto, basta verificare che il tappo non sia leggermente sollevato in centro e non faccia uno strano clack quando lo schiacciate con le dita, se fa solo un clack e poi va sotto vuoto allora il vasetto è ok, ma se il tappo continua a sollevarsi leggermente sotto la pressione delle vostre dita allora potrebbe essere diffettoso quindi sostituite il tappo e capovolgete nuovamente il vasetto. Con un kg di frutta normalmente mi escono 4 o 5 vasetti di dimensioni medie.
Lasciate raffreddare i vasetti di marmellata capovolti. Conservate i vasetti in dispensa, la marmellata normalmente si conserva per 1 anno, ma io cerco di consumarli sempre entro 6 mesi. Appena aperti conservare la marmellata in frigo e consumarla entro 2-3 settimane.
Se avete intenzione di regalare i vasetti confezionateli in maniera particolare con carta ed etichette colorate, come quella che ho preparato qui sotto.

4 commenti:

marisa ha detto...

Hai colpito ancora, a me personalmente la frutta non piace , ma a casa mia hanno detto che la tua ricetta deve essere fantastica. Monica la proverà di sicuro.Ciao Marisa

clamilla ha detto...

originalissima....non avrei mai pensato a questo abbinamento!
Martina

clamilla ha detto...

A proposito domani puoi passare a ritirare un premio da me?

laura ha detto...

grazie infinite martina, passo subito a ritirarlo! ciao